Pensieri e… 30 anni

Oggi è il mio compleanno!

Raggiungo un traguardo per me importante: 30 anni.

Bene, cambia la decina davanti e questo mi mette in soggezione. Il cambio dal due al tre racchiude in sé diversi significati, tra cui il fondamentale che “sono diventata grande”. Non ci sono più scuse o giustificazioni a nulla. E’ giunto il tempo di essere grande e responsabile.

O meglio, lo sono già, ma ora devo migliorare.

Continua a leggere “Pensieri e… 30 anni”

Then comes… February

Eccomi che ritorno dopo una settimana di inattività.
Non ero sparita, ma semplicemente l’influenza mi ha devastata negli ultimi dieci giorni e trovo la forza per tornare a scrivere solo oggi.
Spero che il mese di gennaio, con tutte le sue sfumature e le sue tematiche ti sia piaciuto, ed in qualche modo, ti sia stato di aiuto.
Ma oggi voglio portarti nel “dietro le quinte” del mese di febbraio e ti anticipo cosa ci aspetta nelle prossime settimane sul blog.
Anche questo mese ho programmato post vari e spero che ti possa far piacere.
Eccoci, quindi, con Then comes… February.

#èsuccessodavvero

Finalmente è arrivato il mio turno di pubblicare questo post divertente, col tag #èsuccessodavvero, ideato da M&P del blog A Tourist Abroad e per il quale sono stata nominata da Claudia di Voce del Verbo Partire, che ringrazio. Sappi che mi sono fatta quattro sane risate a scrivere questo post 🙂

Ricordiamo le regole di questo tag

  • usare nel post l’immagine del tag originale
  • nominare chi ha ideato il tag, A Tourist Abroad
  • inserire tra i tag dell’articolo #èsuccessodavvero
  • raccontare le tre cose più strane che ti sono successe in viaggio: due vere, una inventata
  • inserire alla fine di ogni racconto la frase: “…è successo davvero?
  • tagliare almeno 5 blog

Continua a leggere “#èsuccessodavvero”

Parlare bene le lingue straniere. Perchè?

C’è stato un tempo in cui desideravo imparare tutte le lingue del mondo.

Solo crescendo e il passare del tempo mi hanno fatto capire che non era possibile e che avrei dovuto scegliere le lingue che più mi piacevano.

Dall’inglese studiato in tutte le salse alle altre lingue che ho imparato durante il mio percorso formativo, passando per l’importanza di studiare le lingue straniere al giorno d’oggi e come tenerle allenate per non perderle.

Continua a leggere “Parlare bene le lingue straniere. Perchè?”

Sciare a Brescia nei luoghi della Guerra bianca

Guerra bianca. Un termine che viene utilizzato per indicare le vicende della guerra che durante la Prima Guerra Mondiale si sono svolte sulle Alpi tra il Regno d’Italia e l’Impero austro-ungarico. 

Anche a Brescia, città in cui ci sono molti rilievi montani, si sono svolte scene di guerra sui monti e oggi, con l’appuntamento della rubrica dedicata alla scoperta di Brescia attraverso i colori, ti voglio parlare di alcuni luoghi che sono stati toccati dalla Grande Guerra. Luoghi dove in passato si è combattuto, mentre oggi si scia.

Come avrai intuito il colore di oggi è il bianco, colore che ci parla della difficile esperienza della guerra sui monti e ci ricorda che sciare a Brescia è possibile.

Continua a leggere “Sciare a Brescia nei luoghi della Guerra bianca”

Dachau e le vittime della Shoah

Oggi è il 27 gennaio, giorno della commemorazione delle vittime dell’Olocausto.

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale che dovrebbe farci fermare a pensare, a riflettere per un attimo su quegli eventi e quelle persone che hanno perso la vita o che hanno vissuto quel dramma e se lo sono portate addosso una vita intera.

E’ il 22 marzo 1933 e a Dachau, una cittadina a circa 16 km a nord-ovest di Monaco di Baviera, viene aperto il primo campo di concentramento nazista. La struttura originaria sfrutta il capannone di una vecchia fabbrica di munizioni in disuso. Viene ampliata solo negli anni successivi.

Continua a leggere “Dachau e le vittime della Shoah”

Portare i bambini in fascia

Qualche tempo fa ho partecipato ad un incontro tenuto da una consulente della Scuola del Portare, nel quale si è parlato del come e perché portare i bambini in fascia.

L’incontro ha affrontato lo stereotipo di chi porta i bambini con la fascia sia di colore. Si è, invece, spiegato come il portare un bambino sia un’esigenza del bambino stesso.

Con questo post voglio semplicemente spiegarti come funziona l’arte del portare, da dove deriva la tecnica e quali sono le basi su cui si fonda la teoria del “Perché portare i bambini in fascia”. Continua a leggere “Portare i bambini in fascia”