In Provenza tra lavanda, letteratura e storia

Un mese fa ho realizzato il desiderio di tornare in Provenza, dove ero già stata due anni fa nello stesso periodo. Infatti il mese di luglio è il periodo dell’anno in cui la lavanda raggiunge l’apice di bellezza nella fioritura, prima che verso la fine del mese si inizi con la raccolta.

Vorrei proporti questo viaggio attraverso una serie di immagini scattate proprio durante i tre giorni trascorsi a contatto con la natura. Il viaggio di quest’anno ha voluto essere proprio un incontro con i campi di lavanda, le distese lilla e con Fontaine de Vaucluse (la Fonte di Valchiusa).

Partirei con qualche scatto del Plateau de Valensole. La piana di Valensole è il luogo dove accorrono i turisti e gli appassionati della lavanda per poterla odorare nel suo intenso profumo, per camminarci in mezzo, correre a perdifiato, starsene ad ascoltare il ronzio delle api che vi sono attirate o solo per fare delle meravigliose foto ricordo circondati dalle distese dalle tonalità del lilla e del viola sotto il sole oppure verso il tramonto, quanto i colori si fanno più intensi, il caldo non è più pesante e le api pian piano se ne vanno.

Plateau Valensole (6)

Plateau Valensole (29)Plateau Valensole (31)

Non potevo ovviamente rinunciare a qualche fotografia di quelle che si potrebbe appendere in sala come un quadro, momenti unici che rimarranno impressi nella mia memoria, ma anche in questi scatti. Momenti di tenerezza, attimi della mia famiglia ai quali non rinuncio mai in viaggio.

Un viaggio deve essere anche un collettore di belle scene, di paesaggi di cui ci si è sentiti parte, di dolcezze e di ciò che più ci è piaciuto. Di ricordi legati alla famiglia e all’amore.

Plateau Valensole (70)

Proseguiamo con la visita a Fontaine de Vaucluse, non solo una meta naturale, ma anche fortemente legata alla letteratura e nello specifico a Petrarca.

Proprio così, le “chiare, fresche et dolci acque” che hanno ispirato il Petrarca, sono quelle di questa fonte. Uno scenario da borghetto medievale e romantico con il fiume Sorgue perfettamente calzante per quello che è stato il platonico amore del Petrarca nei confronti di Laura.

Fontaine De Vaucluse (7)

Per raggiungere la fonte basta arrivare in paese e parcheggiare l’auto nei parcheggi segnalati ad un costo di Euro 4,00 e poi fare una passeggiata di 10 minuti all’ombra ed al fresco delle piante. La consiglio anche per i bambini, in quanto non impegnativa se non gli ultimi 50 metri dove il sentiero si stringe e diventa più ripido. Giunti alla fonte di nuovo il sentiero si apre come un vero palcoscenico affacciato sulla fonte. Ti troverai davanti ad una montagna che racchiude, in una grotta, la sorgiva e quindi le chiare, fresche e dolci acque.

Fontaine De Vaucluse (13)Fontaine De Vaucluse (16)

Avendo io visitato Fontaine de Vaucluse a luglio la fonte non è al massimo della sua portata, quindi se desideri vedere l’abbondante flusso d’acqua ti consiglio di programmare ltua sosta in questo raccolto borgo in primavera o in autunno.

Le acque della fonte sono turchesi e con il loro scorrere scendono ad alimentare il fiume Sorgue.

Ti consiglio infine anche un giretto nel borghetto poiché molto affascinante.

Fontaine De Vaucluse (8)

Nel centro del paese il tuo interesse sarà catturato da una grande ruota idraulica, che è situata proprio vicina alla strada. Un luogo in cui fermarsi ad ammirare la Sorgue e guardare lo scorrere del fiume.

Ma ti consiglio ancora una tappa prima di concludere questo breve viaggio in Provenza: Avignon.

Avignone_Palazzo Papi (12)

Il mio incontro con Avignon è stata una vera e propria toccata e fuga, giusto il tempo di una merenda. Eppure sono così contenta di esserci passata.

Ma ecco cosa ha attirato il mio interesse in primis: il Palazzo dei Papi, una struttura gotica che nel 14° secolo è stata la sede del Cattolicesimo ospitando ben 9 Papi. Il palazzo è oggi visitabile e durante la visita si possono ammirare cappelle, chiostri e stanze che furono parte degli appartamenti privati del Papa, il tutto abbellito da ricercate decorazioni ed affreschi.

Avignone_Palazzo Papi (23)

Avignone_Palazzo Papi (44)

Dopo una merenda consumata sulla piazza ed una piccola corsa per misurare le dimensioni della piazza, il ritorno alla macchina.

Per raggiungere il Palazzo dei Papi basta arrivare ad Avignon e parcheggiare nel grande parcheggio sterrato segnalato dai cartelli e poi fare una camminata di 15 minuti verso le mura della vecchia città, entrarvi e poi seguire le indicazioni verso il Palais des Papes.

Ritornando all’automobile imperdibile una sosta presso il Pont d’Avignon, completato verso la fine del XII° secolo e più volte ricostruito nel tempo a causa delle guerre e delle piene del Rodano.

Il ponte è famoso anche per la canzoncina per bambini “Sur le pont d’Avignon“.

sur le pont d'avignon

Così, canticchiando “Sur le pont d’Avignon, on y danse, on y danse” ti lascio a programmare il prossimo viaggio in Provenza.

 

Sei mai stata in Provenza? Ti ha colpito?

Quali luoghi hai visitato e quali vorresti visitare ancora?

Se vuoi condividere la tua esperienza puoi lasciare dei commenti ma anche condividere il link del tuo articolo, se ne hai scritto uno.

 

Ti aspetto con entusiasmo sui social media; un tuo LIKE ed un FOLLOW mi aiuteranno a crescere e migliorarmi.

Seguimi sui canali social

Facebook

Twitter

Instagram

Annunci

38 pensieri su “In Provenza tra lavanda, letteratura e storia

  1. Ciao Eli! La Provenza è uno dei miei grandi sogni da taaanto e tanto tempo. Finalmente questo week end partirò per scoprire questi posti meravigliosi, (aihmè, non vedere quei meravigliosi campi di lavanda mi sconforta molto) e non vedo l’ora!
    Dalle tue foto, Avignone è davvero bella come pensavo!!!
    Un abbraccio 🙂

    Mi piace

    1. Ciao ☺ concordo perfettamente con te che la Provenza è un posto meraviglioso. Ti auguro in anticipo buon viaggio ed incrocio le dita affinché tu possa godere della vista infinita di alcuni campi di lavanda per realizzare questo tuo grande sogno!
      Anche Avignone è molto bella, purtroppo io ci ho fatto un giro veloce…
      Un abbraccio ☺

      Liked by 1 persona

  2. Sono tornata dalla Provenza da poche settimane e me ne sono completamente innamorata, quindi leggere il tuo articolo mi riporta subito lì con la mente, ai colori, ai profumi.. mi è sembrato di vivere in un quadro..
    Ps: Bellissime le foto del Plateau de Valensole!!

    Mi piace

    1. Silvia, è proprio così perché la Provenza e i suoi campi viola ti coinvolgono con la mente, gli occhi, il naso… con tutto. E quando i ricordi riaffiorano ritornano anche i colori, le emozioni e i profumi. Una sensazione meravigliosa!
      Grazie 😊

      Mi piace

  3. Che foto da sogno *___*
    Mi piacerebbe davvero vedere i campi di lavanda in Provenza, ma finora non ne ho avuto l’occasione. Le foto in cui stringi il pargoletto sono dolcissime ❤
    Sai che non sapevo che le chiare, fresche e dolci acque fossero francesi? Una sorpresa per me 😀

    Mi piace

  4. Elisa ho sentito profumo di lavanda, ho sentito ronzare le api, ho sentito il sole caldo bruciarmi la pelle!
    Che meraviglia il tuo post e perfette le foto. Da quanto tempo sogno di passare qualche giorno fra questi colori, magari in moto…purtroppo un contrattempo ci ha impedito di fare una veloce fuga in Provenza!
    Spero di riuscire il prossimo anno!
    Claudia B.

    Mi piace

    1. Claudia, spero tanto che tu riesca ad organizzare la fuga in moto in Provenza. In effetti abbiamo incontrato parecchi motociclisti e sarei molto curiosa di leggere un itinerario in moto in questi luoghi. Incrocio le dita per te!
      Grazie! 😊

      Mi piace

  5. Mannaggia con tutto quello che sta succedendo in Francia il mio sogno provenzale rimarrà tale… 😦
    Fontaine de Vaucluse l’avevo adocchiata anche io come meta, sembra un romanticissimo borghetto!
    Foto stupende! 😉

    Mi piace

    1. Ciao Daniela, come ti capisco… in quest’ultimo periodo in Francia sta accadendo di tutto purtroppo 😦
      Comunque Fontaine de Vaucluse è da vedere, secondo me vale anche fermarsi la sera per mangiare una pizza lungo il fiume Sorgue e poi concludere col giro del borghetto.
      Grazie mille! 😊

      Liked by 1 persona

  6. Ciao Elisa, la Provenza con la lavanda in fiore è davvero spettacolare. Noi siamo andati lo scorso anno la settimana dopo ferragosto ed era già tutta tagliata, posso solo immaginare la bellezza di questa terra con la lavanda al massimo splendore. Spero di poterci tornare in un periodo più adatto! Bellissime foto!

    Mi piace

    1. Ciao Valentina, si ad agosto iniziano già con il taglio della lavanda e quindi immagino che tu non sia riuscita a vedere i campi. Ad ogni modo hai la scusa per doverci tornare quanto prima perché questo spettacolo della natura merita una visita almeno nella vita. Ti auguro di realizzare presto questo viaggio!
      Grazie mille ☺

      Liked by 1 persona

  7. Sogno Valensole da tempo. Questi scatti hanno accresciuto la mia curiosità. Immagino il profumo a camminare in quei campi! Per non parlare dell’imponenza di Avignone.. il prossimo luglio spero di farcela 🙂

    Mi piace

    1. Ciao Roberta, Valensole credo sia una di quelle mete nella vita che vale assolutamente il viaggio, almeno una volta.
      Ti auguro tanto di riuscire a depennarla dalla tua lista del 2017 per non perderti una vera favola.
      Grazie di essere passata da qui 😄

      Mi piace

  8. ladiesarebaking

    Siiiii sono stata in Provenza a Maggio dell’anno scorso! Ovviamente in quel periodo la Lavanda non è ancora in fiore quindi non ci siamo addentrati in zona Valensole, ma abbiamo visitato Les Gorges du Verdon! Per il resto ci siamo dedicati alla costa Azzurra…ma il mio sogno è tornarci a Luglio😉

    Liked by 1 persona

    1. Io ci sono stata due volte a luglio, quest’anno e nel 2014 ma desidero tornarci e ogni volta visitare un pezzettino in più dei paesi e borghi nei dintorni senza rinunciare mai a passare da Valensole…
      I campi di lavanda sono una magia vera e devi assolutamente vederli… sai che in zona fanno anche dei buonissimi biscotti alla lavanda. Un’idea per voi ladies ai fornelli 😉
      Grazie per essere passata!

      Mi piace

  9. Niente, adesso la canzoncina non me la toglierò più dalla testa per tutto il giorno 🙂
    Questi campi di lavanda in Provenza sono davvero un sogno, soprattutto se abbinati ai piccoli borghi, ai sapori e agli odori provenzali…mi piacerebbe tantissimo organizzare un viaggio in quei luoghi! E anche ripercorrere le tracce di Petrarca non mi dispiacerebbe 🙂

    Liked by 1 persona

  10. Mia mamma ha una vera passione per la lavanda.
    In casa la usiamo ovunque per profumare gli armadi ma anche nelle marmellate e nei dolci.
    Desidero fare un viaggio come il tuo insieme alla mia famiglia.
    Grazie delle informazioni e dei consigli.

    Liked by 1 persona

  11. Sai che mentre leggevo mi è sembrato di sentire un profumo intenso di lavanda e mi vedevo immersa in quel mare lilla? Metto in conto di tornarci presto e andrò alla fonte e penserò a te e ma si dai, anche un pochino anche a Petrarca!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...