Viaggi

Un pomeriggio a Lienz in Austria

Andiamo a conoscere insieme la “città del sole“. Questo appellativo è dovuto al fatto che il suo clima è prevalentemente mite.

Questo luogo si chiama Lienz e si trova in Austria nel Land del Tirolo a 673 mt slm, ai piedi delle Dolomiti, nella Val Pusteria (Pustertal) ed è adagiata sul fiume Isel.

Forse gli appassionati di ciclismo conoscono già questa meta, dato che è stata diverse volte tappa di arrivo del Giro d’Italia, l’ultima volta nel 2011.

Ma Lienz è conosciuta per la bicicletta anche in altro senso, in quanto è raggiungibile sulle due ruote. Ma di questo vi racconto dopo, quando vi lascerò le indicazioni per come arrivarci.

Ho avuto modo di visitare il centro di Lienz ad agosto, durante il viaggio sulle Dolomiti, che mi ha portata alla scoperta del territorio circostante.

centro-lienz

Ho trascorso in questa città solo mezza giornata, tempo sufficiente per visitare il centro cittadino che nella stagione estiva, da giugno a settembre, viene chiuso al traffico divenendo il regno magico dei pedoni. Si può passeggiare, fermarsi a guardare le vetrine, godersi la colazione nei vari bar, un pranzo o un aperitivo all’aperto e senza fretta. Tempo risultato sufficiente anche per raccogliere le informazioni necessarie per un’infarinatura generale delle potenzialità ed attività che Lienz può offrire nelle varie stagioni.

Passeggiare per il centro di Lienz è piacevole per l’atmosfera accogliente e tipica tirolese e per l’ordine e la pulizia che regnano nelle vie e nelle piazzette.

L’architettura è graziosa, basti guardare la Liebburg, oggi municipio comunale di Lienz dal 1988, ma nato ad inizio 1600 come castello abitato da una famiglia di conti.

liebburg
Liebburg di Lienz

Siamo in Austria ma gli italiani sono ben accolti e graditi. Nei bar, nei negozi e nel ristorante dove mi sono fermata, pur rivolgendomi in tedesco al personale, sono stata accolta in italiano quasi ovunque. Sarà per la vicinanza al confine, ma molte persone che hanno a che fare con il turismo sanno destreggiarsi in lingua italiana.

Inoltre, tra gli esercizi quali gelaterie, bar o anche trattorie troverai facilmente proprietari italiani che ti accoglieranno con calore.

La piazza principale di Lienz è rettangolare e molto graziosa per fermarsi a prendere un po’ di sole, per rilassarsi su una panchina o per fare una sosta shopping nei vari negozi che vi si affacciano.

L’intero centro è abbellito ad aiuole e gerani, che trasmettono serenità ed allegria.

Ma ecco qualche piccolo consiglio di cosa si può fare a Lienz.

Lienz è localizzata nel parco nazionale degli Alti Tauri, questo dà la possibilità di seguire percorsi a piedi sia facili per camminare piacevolmente in famiglia, che itinerari di alta montagna per gli esperti camminatori.

In inverno gli sport prediletti sono legati alla neve. Lienz possiede due grandi stazioni sciistiche, quelle di Hochstein e di Zettersfeld. Hochstein è famosa essendo stata più volte teatro della Coppa del Mondo di sci alpino.

Un’altra pista, Haiderhöfe, è invece adatta al divertimento dei più piccini o dei principianti.

Come raggiungere Lienz?

Ti ricordo che io ho raggiunto Lienz da Auronzo di Cadore.

Da Auronzo si guida in direzione Misurina e si prosegue sulla SP49, passando dal Veneto al Trentino-Alto Adige.

Procedere imboccando a destra la SS51 di Alemagna che conduce a Dobbiaco.

Infine svoltare a destra sulla SS49 della Pusteria / E66, passare il confine di stato Italia/Austria e continuare sulla E66/B100 fino a Lienz.

La durata del viaggio è di circa 1 ora e 40 minuti per un percorso di 90 km.

Importante è sapere che, percorrendo questa via e fermandosi a Lienz, non è necessario l’acquisto e l’esposizione sul parabrezza della Vignette per il pedaggio autostradale in Austria.

Vi accennavo prima che Lienz è raggiungibile anche in bicicletta da San Candido (Innichen).

Infatti dal 2008 esiste la ciclabile Drava che conduce direttamente fino alla città austriaca, per un percorso di 44 km ed un dislivello in discesa di 500 mt. Il percorso è adatto alle famiglie essendo di facile percorribilità e presentando punti di ristoro lungo il percorso che si snoda tra prati e boschi.

La Pusterbike (così è chiamata) combina treno e bicicletta. Infatti, partendo in bicicletta da San Candido è possibile fermarsi dove si vuole per tornare al punto di partenza con il treno. I treni sono dotati di vetture apposite per le due ruote oppure di posti bici. Il biglietto giornaliero per la bicicletta ha un costo di Euro 7,00 e lo si può acquistare direttamente nelle stazioni.

Il mercatino dell’Avvento di Lienz

Sono stata a Lienz in estate ma ho scoperto che i mercatini di Natale di questa città sono tra i più belli ed emozionanti di tutta l’Austria.

L’atmosfera viene definita particolarmente coinvolgente con le casette decorate ed addobbate a festa, con l’odore di vin brulé e di biscotti che si diffonde nelle vie vicine alla Liebburg, il castello costruito ad inizio 1600 dove viveva una famiglia di conti, mentre dal 1988 è divenuto il municipio comunale, dove si tengono i mercatini, con le bevande calde e le musiche natalizie che rallegrano gli animi.

I mercatini sono di prodotti artigianali, decorazioni natalizie, dolci tipici ma anche idee e pensieri regalo.

Mi piacerebbe molto andarci durante l’Avvento per vedere coi miei occhi, dal vivo, questo meraviglioso spettacolo.

Cosa mi è piaciuto di Lienz

Ciò che mi ha particolarmente coinvolta durante la visita a Lienz è stato un negozio.

Un negozio? Si, un negozio nel quale non sarei più uscita se mio marito non mi avesse trascinata fuori, dopo aver speso una cifra indicibile.

lienz-holzspielzeug

Il negozio è Gwandtl Naturladen Holzspielzeug, ovvero un negozio che vende giocattoli per bambini realizzati in legno e con materiali naturali che donano ai giocattoli un grande valore.

Qui si può tornare bambini e perdersi a guardare con occhi incantati un sacco di giocattoli colorati. Giocare e divertirsi non ha età!

Attenzione se ci vai con i tuoi piccoli, potrebbe essere molto rischioso per il tuo portafoglio.

Il negozio lo trovate in Europaplatz, 2 a Lienz.

Ora che ti ho raccontato di Lienz posso continuare a vagare con la fantasia ed immaginare di essere ancora in questa città magnifica che mi ha fatto vivere un pomeriggio come in un sogno e mi ha fatto tornare bambina con i giocattoli in legno e nella quale spero tanto di tornare presto.

 

Tu ci sei mai stata a Lienz?

Hai percorso la ciclabile da San Candido a Lienz?

Sei mai stata ai mercatini natalizi di Lienz?

Ti piacciono i giocattoli in legno?

Sei hai altri consigli da aggiungere puoi farlo nei commenti.

 

Seguimi sui canali social

Facebook

Twitter

Instagram

Annunci

24 thoughts on “Un pomeriggio a Lienz in Austria

  1. Ciao Elisa come stai? 😉
    Io a Lienz ci sono arrivata proprio con la ciclabile. In tutto ci avrò passato qualche ora perchè poi avevo il treno di ritorno (con il biglietto cumulativo che indicavi tu). Quindi non ho potuto fare altro che una passeggiata in centro…sotto l’ombrello 😦 Forse è per questo che non mi ha entusiasmata tantissimo (complice anche la pedalata stancante di circa 50 km 😛 )
    Belle comunque le architetture, il Tirolo è sempre fantastico anche sotto la pioggia!
    Ciao!

    Liked by 1 persona

    1. Ciao orsa, io bene grazie. Tu?
      In effetti è una grande comodità il biglietto cumulativo, penso alla stanchezza o come è capitato a te un cambio del meteo.
      Quindi, vuol dire che hai percorso tutta la ciclabile??? Complimenti! Io sono pigra su queste cose e non riuscirei mai a fare uno sforzo simile, anche se questo significa perdersi tanta roba in termini di natura, alberi, prato ed aria buona…
      Grazie per essere passata! 🙂

      Liked by 1 persona

  2. L’ho perso! Il negozio di giocattoli…l’ho perso 😦
    A mia discolpa posso dire che ho sempre gli occhi infilati nel mirino della reflex, ma per “colpire” scorci, palazzi e piazze. Mio marito è quello che guarda i negozi. Ma poi non mi avvisa se c’è qualcosa di particolare!
    Noi siamo stati cinque giorni a capodanno di circa tre anni fa: purtroppo i mercatini erano già terminati, ma l’atmosfera in centro era comunque allegra, vivace, accogliente. Poi effettivamente gli austriaci sono ovunque splendide persone, ogni volta che visitiamo l’Austria -una regione diversa ogni capodanno- ci sentiamo sempre a casa.
    Concordo con te nel segnalare la zona degli Alti Tauri, perché ci sono dei paesini, Elisa, che sembrano usciti da un libro di fiabe! Ma anche la zona del Wilden Kaiser, raggiungibile con una galleria (10€ a tratta) che porta a Kitzbuhel: si può seguire una strada che passa attorno al massiccio, fermandosi a vedere paesi e laghi.
    Ma anche vicino a Lienz ci sono borghetti meravigliosi, uno su tutti Obertiliach, oltre alla fabbrica della Loacker…slurp!
    Insomma la zona è ricca e pensavo alla proposta di raggiungerla in bici: in primavera ed estate deve essere un sogno, una bella idea su cui creare un viaggio ad hoc!
    Claudia B.

    Liked by 1 persona

    1. Wow Claudia, quante belle idee hai aggiunto! Ora me le vado a guardare per capire meglio, dato che conosco solo Kitzbuhel e la Loacker. A tal proposito… la prossima volta che vado (e mi fermerò di più) farò molto spazio in auto per svaligiare la Loacker 😉
      In estate sicuramente bellissima, ma in fondo credo che anche in primavera avanzata, con le temperature ancora non troppo elevate, debba essere molto piacevole 😄

      Mi piace

  3. Sono stata un sacco di volte in Austria, ma Lienz mi manca, mi hai dato un’ottima idea! 🙂 Devo però ricordarmi di mettere il portafoglio sotto chiave prima di entrare in quel negozio di giocattoli in legno, impazzisco per questo genere di cose 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Silvia, se ti piacciono i giochi in legno datti un budget. Io sono entrata per curiosare e sono uscita con le borsine piene e diversi pacchetti regalo. La commessa è stata così gentile e paziente, mi ha preparato diverse pacchi regalo.
      Un piccolo regno che apre alla fantasia e al buon umore 🙂

      Mi piace

  4. Ciao, non sono mai stata in Austria e mi rendo conto che dovrò rimediare!!! La possibilità di raggiungere Lienz in bici è davvero interessante, anche se leggendo dei mercatini di Natale ho avuto subito la tentazione di prenotare per il prossimo mese 😉 Grazie dei consigli!!!

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Carmen, si in effetti la ciclabile che collega San Candido all’Austria è un’attività da periodo estivo che attira parecchio, vuoi per il clima, vuoi per i paesaggi o ancora per la possibilità di spingersi quanto più in là si voglia e poi rientrare con il treno.
      Dall’altra parte i mercatini di Natale sono sempre graziosi da visitare ogni anno con la loro travolgente atmosfera delicata e colorata. Nel dubbio puoi sempre mettere entrambe le alternative sulla tua lista 😉

      Mi piace

  5. Sono stata in Austria varie volte, ma mi mancano sia Lienz che la sua quasi omonima Linz! Però prima o poi ho intenzione di realizzare un itinerario con tutti i luoghi che ancora mi mancano. Molto bello il negozio, forse è meglio che io non ci metta proprio piede! 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...