Viaggi

Le emozioni di dicembre per un bambino

Ogni volta che guardo i tuoi occhi vedo la gioia e se guardo più a fondo vedo i miei occhi.

Dicembre è di per sé un mese ricco di emozioni forti e che possono essere toccate con mano.

Per i bambini ci sono rivelazioni, trepidazioni, batticuore ed eccitazione continua. Molti gli appuntamenti che li riguardano e l’ansia di giungere ad ognuno di essi pronti.

Noi adulti ci teniamo che si ricordino di ogni attimo che vivono nella loro vita, o che per lo meno vivano delle emozioni positive che gli daranno modo, in futuro, di ricordare il loro passato con soddisfazione e gaiezza.

Oggi parliamo delle emozioni che ci porta il mese di dicembre e vi racconto del mio Nicola. Cosa abbiamo vissuto fino a qui e cosa ci aspetta ancora.

Siamo più simili di quel che possiamo credere

I brividi corrono per la schiena, questa cosa talvolta mi spaventa pur donandomi tanta forza. Sei come uno specchio per me. I tuoi stati d’animo sono legati a me, la tua allegria è legata a quanto io ti sappia trasmettere gioia; il tuo entusiasmo dipende da quanto riesco a trasmetterti della magia delle cose: le tue paure sono le mie debolezze che ti arrivano dirette e le senti subito sulla pelle.

Siamo il filtro l’uno dell’altra. Io, la tua mamma, il tuo filtro di percezione e conoscenza del mondo; tu, il mio bambino, sei il mio filtro della realtà, di ciò che è.

In questo mese di dicembre voglio guardarti negli occhi, come oggi, e trovarci la gioia, la contentezza, i sorrisi, la curiosità, la voglia di scoprire e la serenità di sentirti amato, coccolato ed apprezzato per quello che sei.

In questo mese di dicembre compiamo insieme un viaggio di emozioni in preparazione al Natale.

Certo, presto arriverà il Natale, ma prima dobbiamo affrontare diverse prove, tra cui la difficile gestione della rabbia.

Da poche settimane ti sei ritrovato ad accettare un fratellino, e a volte è così faticoso condividere… Ma, io e te insieme, abbiamo chiesto aiuto a Santa Lucia affinché ci portasse un libro in grado di supportarci a gestire questi momenti.

 

Chi è Santa Lucia?

Una sera ci siamo accoccolati noi due insieme e la mamma ti ha raccontato la storia di questa ragazza che porta i regali ai bambini buoni. Abbiamo atteso con trepidazione che Santa Lucia passasse a ritirare la letterina scritta. Settimo cielo quando una mattina non l’abbiamo più trovata!

Ora che la santa è passata ed abbiamo ricevuto il libro tanto atteso, accompagnato da qualche dolcetto, passiamo il tempo a sfogliarne le pagine imparando insieme a gestire i momenti di rabbia.

santa-lucia

 

Luci e addobbi di Natale

Nel frattempo la casa si è illuminata, colorata, addobbata ed avrai di certo notato cose che di solito non ci sono. Ti chiederai perché. Ti guardi in giro con occhi interrogativi, scruti tutto e dall’asilo nido mi porti a casa disegni con alberelli colorati, che tu hai colorato con le tue manine intinte nella tempera.

Ogni tuo piccolo traguardo è motivo di orgoglio e soddisfazione per me e sono cascate di coccole e baci.

 

>>Forse ti può interessare anche Pensieri sotto la pioggia <<<

Ma tu cosa penserai? Tu che mi guardi sorridente, perché capisci che quello che fai mi rende felice.

Ok, allora fermiamoci di nuovo. Ancora io e te, accoccolati insieme per capire cosa sta succedendo.

Non è il tuo primo Natale, ma è di fatto il tuo primo Natale di emozioni.

Quando togli dall’albero una pallina e poi cerchi di riattaccarla.

Quando ti avvicini alla stufa e dici “coca”, perché vuoi dirmi che scotta e che bisogna stare attenti a non toccare.

Quando ti avvicini alle luci colorate del papà e schiacci i pulsanti per farle andare più lente o più veloci o per accenderle o spegnerle.

luci-di-natale

Ogni tuo gesto è una conquista. Ogni conquista è una cosa in più che impari e fai tua. Ed ogni volta è una grande emozione.

Un’emozione per la mamma che ti vede crescere,che ti vede imparare tante nuove cose.

Un’emozione per te che scopri il mondo che ti circonda con tutte le sue novità e tutti i piccoli incanti che ti fanno sgranare gli occhi, spalancare la bocca a forma di “O” ed allargare le braccia più che puoi, come per poter raccogliere tutto e non perdere niente della meraviglia che ti trovi difronte.

 

Emozioni e stupore che solo dai bambini possiamo (re)imparare

In questo modo arriverà il Natale ed insieme impareremo che in quella notte nasce un bambino, un bambino come te, un bambino come tuo fratello, e quel bambino è dono di amore e motivo di gioia incontenibile per una mamma ed un papà. Un bambino con una speciale storia che seguiremo insieme a tappe, un pezzo alla volta. Un bambino che combinerà tante marachelle, come quelle che anche tu talvolta ti inventi e presto inventerai.

Infine, vorrei chiudere questo mese di grandi emozioni vedendo il tuo stupore difronte ai colori dei fuochi d’artificio che illuminano, decorano e rendono una favola il cielo, in quella che sarà la notte di passaggio dal vecchio anno a quello nuovo, nel quale riponiamo le speranze ed al quale affidiamo i sogni per un futuro migliore, per tante cose belle e di gioia immensa.

Ora sei tra le mie braccia piccolo mio e, chiacchierando e chiacchierando, ti ho fatto addormentare. Ok, il libro sulla rabbia lo rileggiamo domani e per ora ti metto nel tuo lettino per lasciarti ai sogni, alle favole e alle storie di dicembre.

Vado allo specchio, mi osservo e mi scruto gli occhi, vedo una luce birbante e vivace avvicinarsi da lontano. La stessa che si percepisce nei tuoi occhi furbetti e vispi.

 

tour-virtuale

Questo articolo fa parte del viaggio virtuale tra le blogger che a dicembre liberano le loro emozioni positive.

Fai un viaggio e scopri tanto altro.

 

E tu come vivi queste emozioni che ci accompagnano al Natale?

Come le vivevi quando eri bambino?

 

Ti aspetto con entusiasmo sui social media; un tuo LIKE ed un FOLLOW mi aiuteranno a crescere e migliorarmi.

 

Seguimi sui canali social

Facebook

Twitter

Instagram

Annunci

7 thoughts on “Le emozioni di dicembre per un bambino

    1. Al mio Nicola piace molto questo libro e lo stiamo divorando ad ogni ora da quando Santa Lucia lo ha portato. Spero tanto che tramite il libro e con mamma e papà impari a gestire al meglio questa emozione. Questo l’intento. E noi ce la faremo!
      Grazie ☺

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...